Crea sito

LEZIONE 11: FRASI INTERROGATIVE (1a parte)

In questa lezione sarà spiegato come fare le domande in tedesco con i verbi al PRESENTE INDICATIVO.

Ma prima, si osservino i seguenti vocaboli:

Die FRAGE, -N = la domanda

Die ANTWORT, -EN = la risposta  (l'accento è sulla A)

Da queste due parole derivano i verbi FRAGEN (domandare, chiedere) ANTWORTEN  (rispondere) che sono entrambi DEBOLI e quindi regolari.

N.B.

Il verbo "Fragen", in tedesco, a differenza dell'italiano "chiedere, domandare", vuole sempre essere seguito dall' ACCUSATIVO, e non dal dativo! 

Il verbo "Antworten", invece, è intransitivo, e vuole essere seguito dalla preposizione AUF + accusativo (quando si specifica a cosa si risponde) oppure dal DATIVO (quando si specifica a chi si risponde).

Auf die Frage antworten = rispondere alla domanda     (AUF + ACCUSATIVO)

Antworte mir! = Rispondimi!    (DATIVO)

Nelle lezioni precedenti è stato spiegato il PRESENTE INDICATIVO (O INDICATIVO PRESENTE) dei verbi tedeschi. In questa lezione sarà dunque spiegato come formare le domande usando il verbo in questo tempo verbale. Nelle lezioni successive sarà spiegato come fare le domande usando altri tempi verbali (lezione 59: FRASI INTERROGATIVE 2).

In tedesco le domande si formano invertendo il verbo PRINCIPALE col soggetto.

Vediamo un esempio:

AFFERMAZIONE: Du sprichst Deutsch = Tu parli tedesco

DOMANDA: Sprichst du Deutsch? = Tu parli tedesco?

Oppure:

AFFERMAZIONE: Er besucht einen Deutschkurs = Lui segue/ frequenta un corso di tedesco

DOMANDA: Besucht er einen Deutschkurs? = Lui segue/frequenta un corso di tedesco?

BESUCHEN (frequentare, visitare) è anch'esso un verbo REGOLARE (con l'accento sulla U).

Particelle interrogative

La regola dell'inversione del verbo col soggetto per fare le domande viene rispettata anche quando è presente un pronome, aggettivo o avverbio interrogativo (particella interrogativa, o FRAGEWORT) all'inizio della frase:

Wer bist du? = Chi sei?

Ich bin.... = Io sono....

Riassumendo, regola per formare le domande in tedesco è questa:

1) IN ASSENZA DI PARTICELLA INTERROGATIVA (FRAGEWORT): inversione del verbo (all'indicativo presente) col soggetto (+ complementi o avverbi)

Verbo + soggetto + complementi o avverbi

2) IN PRESENZA DI PARTICELLA INTERROGATIVA (FRAGEWORT): particella + inversione del verbo (all'indicativo presente) col soggetto (+ complementi o avverbi)

Fragewort + verbo + soggetto + complementi o avverbi

Queste particelle si utilizzano tutte quante indistintamente sia nelle interrogative dirette che indirette (queste ultime sono le frasi in cui la domanda non è esposta in maniera esplicita, ma fa parte di una frase subordinata introdotta da un verbo che esprime dubbio, seguito da una particella interrogativa).

Wo bist du? = Dove sei?    (INTERROGATIVA DIRETTA)

Ich möchte wissen, wo er ist = gradirei sapere dov'è   (INTERROGATIVA INDIRETTA)

Nei paragrafi sottostanti saranno spiegate tutte le particelle interrogative o FRAGEWORT più utilizzate in tedesco.

WO, WOHIN, WOHER

In tedesco ci sono tre modi per chiedere "DOVE":

1) WO = dove?   (stato in luogo)

2) WOHIN = dove? (moto a luogo)  (con l'accento sulla I)

3) WOHER = da dove? (moto da luogo)  (con l'accento sulla E)

Si osservino gli esempi:

Wo wohnst du ? dove abiti?

Ich wohne in Berlin = io abito a Berlino

WO si usa per chiedere "dove" nel senso di STATO IN LUOGO, perciò si usa sempre nelle domande contenenti verbi di stato: WOHNEN (abitare)SEIN (essere), STEHEN (stare in piedi)LIEGEN (giacere, trovarsi),      SITZEN (stare seduto) ecc.

Wohin gehst du? = dove vai?   

Ich gehe nach Hause = vado a casa

WOHIN si usa per chiedere "dove" relativo al MOTO A LUOGO, perciò si utilizza nelle domande contenenti verbi di moto: GEHEN (andare a piedi)FAHREN (andare con un mezzo di trasporto)ZUSTEUERN (dirigersi) ecc.

"Wohin" si può anche spezzare in Wo + hin :

Wo gehst du hindove vai?

In questo caso, l'ordine di ciascun elemento della domanda è:

WO + verbo + soggetto + HIN

(La "H" di "HIN" è ben aspirata).

WOHER vuol dire invece "da dove" e si accompagna a verbi come KOMMEN (venire).

Woher kommst du? = da dove vieni?

Anche questa FRAGEWORT si può spezzare in Wo + her :

Wo kommst du her? = da dove vieni?

L'ordine di ciascun elemento della domanda è quindi:

WO + verbo + soggetto + HER

(La "H" di "HER" è ben aspirata)

WANN, WENN, ALS

In tedesco ci sono tre modi diversi anche per dire "QUANDO".

WANN = quando?

"Wann" si usa solo nelle frasi interrogative, dirette e indirette.

Wann kommst du zurück?Quando torni?

Ich weiß nicht, wann er zurück kommt = Non so quando torna

Nelle frasi affermative, per dire "quando" si usa invece "WENN":

Wenn die Arbeit vorbei ist = quando il lavoro è finito

ATTENZIONE

"Quando" nelle frasi affermative si dice anche "ALS". Tuttavia, "ALS" e "WENN" hanno due significati diversi:

WENN: si usa per parlare di un'azione futura o presente.

Wenn die Arbeit  vorbei ist = quando il lavoro è finito  (nel senso di "quando sarà finito")

(VORBEI non è un aggettivo ma un AVVERBIO, molto utilizzato in tedesco. Significa "finito, terminato" ed essendo un avverbio è indeclinabile. L'accento cade sul dittongo EI)

Inoltre:

WENN si usa anche per parlare di un'azione passata, ma che si è ripetuta più volte nel passato.

Wenn du vom (= von dem) Fahrrad fielst = quando cadevi dalla bicicletta

ALS: si usa per parlare SOLO di un'azione passata (e non anche presente e futura), ma che è avvenuta una sola volta nel passato.

Als du vom Fahrrad fielst = quando sei caduto dalla bicicletta

Als ich ein Kind war = quando ero bambino

Ricapitolando, "QUANDO"in tedesco si dice:

1) WANN: utilizzato nelle interrogative (dirette e indirette)

2) WENN: utilizzato nelle affermative per parlare di AZIONI PRESENTI, FUTURE e PASSATE che sono accadute regolarmente

3) ALS: utilizzato nelle affermative per parlare di AZIONI PASSATE accadute una sola volta

Per maggiori informazioni, si vada anche nel nuovo blog, dove sono spiegate in dettaglio le differenze e gli usi di WANN, WENN e ALS in tedesco ("QUANDO" E "SE" IN TEDESCO).

WARUM e WOZU

In tedesco ci sono modi diversi anche per chiedere "PERCHE'":

1) WARUM / WIESO = Perchè? (causa) (l'accento è sull'ultima sillaba per entrambe le particelle)

2) WOZU = Perché? (scopo) (l'accento è sulla O)

Si osservino i seguenti esempi:

Warum fragst du das? Perché lo chiedi? (Per quale ragione o causa lo chiedi?)

Wozu fragst du das? = Perché lo chiedi? (Per quale scopo lo chiedi?)

Nelle risposte, e dunque nelle frasi affermative, "perchè" si dice "WEIL":

Warum/Wozu bist du hier? Perché sei qui?

Weil ich meine Schultasche vergessen habe = Perché ho dimenticato la mia cartella

(Nella lezione 56 sarà spiegato il perché dell'insolito ordine verbale della frase soprastante).

WIE e WIE VIEL

WIE = come?

Wie ist das Wetter? = Com'è il tempo?

Anche "WIE", come tutte le FRAGEWORT, è utilizzato sia nelle frasi interrogative che nelle frasi affermative:

Du bist wie ein Vater für mich = Tu sei come un padre per me

(Dopo WIE il sostantivo è espresso nello stesso caso del 1° termine di paragone. Per questo "Ein Vater" è al nominativo come "Du").

Da "WIE" deriva:

WIE VIEL / WIEVIEL = quanto?

Wie viel ist das? = Quanto costa?

Oppure:

Wie viel kostet das? = Quanto costa?

Quando questa particella (WIE VIEL) viene usata come aggettivo PLURALE (ES. quanti libri, quanti soldi, ecc.), si deve declinare come un AGGETTIVO ATTRIBUTIVO (vai alla lezione relativa a questo argomento per saperne di più). Non si declina invece al SINGOLARE.

Wie viele Personen? = Quante persone?

Wie viel Geld? = Quanto denaro?

KOSTEN = costare (verbo REGOLARE) (l'accento è sulla O)

WER, WAS e loro declinazioni

In tedesco esistono anche due modi per dire "CHI":

1) WER = chi? (soggetto)

2) WEN = chi? (complemento oggetto)

Si osservino le seguenti frasi:

Wer ist dieses Kind? = chi è questo bambino?

Wen hast du gesehen? = chi hai visto?

Nella prima frase "CHI" è il soggetto della domanda, mentre nella seconda è il complemento oggetto. Quindi, nella prima frase occorre dire: WER (nominativo), nella seconda WEN (accusativo).

Per dire "COSA" si utilizza invece:

WAS = cosa? (soggetto e complemento oggetto)

Was ist das? cos'è questo (ciò) ?

Was hast du gesagt? cosa hai detto?

"WAS", come l'italiano "COSA", non fa distinzione tra soggetto e complemento oggetto.

Può inoltre significare "Quale/ quali" riferito a cose e oggetti inanimati:

Was sind deine Hobbies? = Quali sono i tuoi hobby?

Non solo, ma "WAS" esprime anche il dativo, e quindi il complemento di termine (anche se in tedesco è difficile tradurre l'espressione "a che cosa?" senza utilizzare una preposizione: vedi paragrafo sottostante).

Questo non vale per "WER", che al dativo diventa invece:

WEM = a chi? 

Wem gibst du die Einladung? = A chi dai l'invito?

E infine vi è:

WESSEN = di chi? di cosa? (l'accento è sulla prima E)

Wessen Regenschirm ist das? = Di chi è quest'ombrello?

"WESSEN" è riferito sia a persone che a oggetti.

Ricapitolando:

CHI: WER (nominativo), WEN (accusativo), WEM (dativo)

COSA: WAS (nominativo, accusativo e dativo)

DI CHI/ DI COSA: WESSEN (genitivo)

WER, WAS e le loro forme declinate sono utilizzate, oltre che nelle interrogative indirette, anche nelle frasi affermative, proprio come in italiano:

Wer nicht hören will, muss fühlen (detto tedesco) = Chi non svuole sentire con le orecchie, deve sentire con il cuore (o toccare con mano)

Ich verstehe, was du meinst = capisco quello/ciò che vuoi dire

In tedesco ci sono due verbi che significano "voler dire":

1) MEINEN che significa anche "pensare, avere in mente"

2) BEDEUTEN che significa anche "rappresentare, significare, avere importanza"  (l'accento è sul dittongo EU)

Was meinst du damit? = Cosa vuoi dire/ pensi con questo?

Was bedeutet das? = Cosa vuol dire/ rappresentare?

Entrambi sono due verbi REGOLARI.

Per maggiore chiarezza sui pronomi interrogativi appena spiegati, si guardi anche la lezione 58: PRONOMI RELATIVI.

N.B.

Quando il pronome interrogativo è preceduto da preposizione, i due elementi non si separano:

Mit wem sprichst du gerade? = Con chi stai parlando?

Tuttavia, non si può far precedere WAS da una preposizione: bisogna trasformarlo in WO e unirlo alla preposizione stessa.

WOZU = per cosa? (perché?)

WOMIT = con cosa?

Quando vi è un incontro di vocali, bisogna interporre una "R":

WORAN = a cosa?

WORAUF = su cosa/ a cosa?

Anche questo argomento sarà spiegato in dettaglio nella lezione 58.

WELCHER / WELCHE / WELCHES

WELCHER (maschile) /WELCHE (femminile) / WELCHES (neutro) = quale?

Questa particella può essere utilizzata anche come aggettivo (e si declina come l'articolo determinativo).

Welche Farbe hat dein Haus? = Che colore ha la tua casa?

Ma può essere utilizzata anche come pronome (e si declina sempre come l'articolo determinativo).

Das HAUS = casa (sostantivo neutro)

Welches ist dein Haus? = Qual è la tua casa?

A differenza di "WAS", dal quale può essere sostituito quando è pronome, il pronome WELCHER/ WELCHE/WELCHES viene utilizzato quando si vuole discriminare un oggetto tra molti:

Was sind deine Hobbies? quali sono i tuoi hobby (in generale)?

Welche sind deine Hobbies? = quali sono i tuoi hobby (tra questi che ho elencato)?

Questa differenza tra WAS e WELCH- sarà spiegata in dettaglio nella lezione 58: PRONOMI RELATIVI.

Per avere maggiori informazioni su come fare le domande in tedesco, si vada alla lezione 59 (FRASI INTERROGATIVE 2), dove sarà spiegato sia come utilizzare i tempi verbali composti nelle domande che come formare le frasi interrogative indirette e interrogative negative.