Crea sito

LEZIONE 23: PRESENTE INDICATIVO VERBI REGOLARI

Introduzione

Come già detto nella precedente lezione, i verbi all'INFINITO, in tedesco, terminano tutti con -EN oppure con -N (vai alla lezione 22: VERBI TEDESCHI).

Verbi che terminano con -EN:

SPRECHEN = parlare

TANZEN = ballare

SCHREIBEN = scrivere

e altri.

Verbi che terminano con -N:

SAMMELN = collezionare

DAUERN = durare

e altri.

Il verbo all'infinito privo del suffisso (o desinenza) -EN o -N si chiama RADICE (Der Stamm), mentre la desinenza è chiamata Die Endung (curiosità: mentre in italiano la parte invariabile di un verbo viene chiamata "la radice", in tedesco si chiama "il tronco" (Der Stamm)!).

I verbi tedeschi, siano essi terminanti in -EN o -N, si dividono in:

- REGOLARI: prendono nome di VERBI DEBOLI

- IRREGOLARI: prendono nome di VERBI FORTI

- "SEMI" IRREGOLARI: prendono nome VERBI MISTI

I verbi FORTI non saranno trattati in questa lezione, che sarà invece concentrata sui verbi regolari, cioè i verbi DEBOLI. Al presente indicativo, si coniugano allo stesso modo anche i VERBI MISTI, perciò in questa lezione sarà spiegata anche la loro coniugazione, sebbene in generale siano solo parzialmente regolari.

Presente indicativo dei verbi deboli

Per coniugare i verbi REGOLARI (o VERBI DEBOLI) al PRESENTE INDICATIVO è necessario aggiungere alla RADICE (Der Stamm) le desinenze:

- E   (1a persona singolare)

- ST (2a persona singolare)

- T (3a persona singolare)

- EN (1a persona plurale)

- T (2a persona plurale)

- EN (3a persona plurale)

Si prenda come esempio il verbo regolare MACHEN (fare). La sua radice è MACH-.

PRESENTE INDICATIVO

Ich mache = io faccio
Du machst = tu fai
Er/ sie/es macht = egli fa
Wir machen = noi facciamo
Ihr mach= voi fate
Sie/sie machen = loro fanno

Come si può notare, il verbo alla 1a persona plurale e alla 3a plurale è uguale all'infinito, mentre il verbo alla 3a personale singolare è uguale al verbo alla 2a plurale; per questo in tedesco i pronomi personali soggetto NON VANNO MAI OMESSI: altrimenti sarebbe impossibile capire il soggetto della frase.

Dal momento che la 1a persona plurale e la 3a plurale hanno sempre il verbo uguale all'infinito, se all'infinito il verbo finisce per -N anziché -EN, anche la 1a persona plurale e la 3a plurale aggiungono la desinenza -N e non -EN.

ES. Sammeln = collezionare

Wir sammeln = Noi collezioniamo
Sie sammeln = Essi collezionano

ATTENZIONE: questo verbo, pur essendo regolare, cambia la radice alla 1a persona singolare!

Ich sammle = io colleziono

Tutte le altre persone sono regolari:

Du sammelst = tu collezioni
Er/ sie/es sammelt = egli colleziona
Wir sammeln = noi collezioniamo
Ihr sammelt = voi collezionate
Sie/sie sammeln = loro collezionano

La stessa cosa succede al verbo Klingeln (suonare), perché il suo infinito termina in -ELN come Sammeln:

Ich klingle = io suono 

Per le ragioni spiegate, è più giusto quindi dire che le desinenze da aggiungere alla radice per formare il presente indicativo sono:

- E

-ST

-T

-(E)N

-T

-(E)N

Aggiunta della E

I verbi regolari la cui radice finisce in -T, -D, -M e -N aggiungono, per ragioni eufoniche, una E prima della desinenza alla 2a e 3a persona singolare e alla 2a plurale del presente indicativo. Le desinenze che aggiungono sono pertanto:

- E (1a persona singolare)

- EST (2a persona singolare)

- E(3a persona singolare)

- EN (1a persona plurale)

- ET (2a persona plurale)

- EN (3a persona plurale)

Si prenda come esempio il verbo ARBEITEN (lavorare) la cui radice è ARBEIT- .

PRESENTE INDICATIVO

Ich arbeite = io lavoro
Du arbeitest = tu lavori
Er arbeitet = egli lavora
Wir arbeiten = noi lavoriamo
Ihr arbeite= voi lavorate
Sie arbeiten = essi lavorano

Tuttavia, la "E" non si aggiunge se i verbi la cui radice finisce in -M o -N hanno come penultima lettera -L o -R.

Si prenda come esempio LERNEN (studiare) la cui radice è LERN-.

PRESENTE INDICATIVO

Ich lerne = io lavoro
Du lernst = tu lavori
Er lernt = egli lavora
Wir lernen = noi lavoriamo
Ihr lernt = voi lavorate
Sie lernen = essi lavorano

Come si può vedere, questo verbo non aggiunge la E eufonica tra la radice e le desinenze.

Omissione della S

Tutti i verbi la cui radice termina per -S, -ß, -X, -Z e -TZ omettono la "s" alla 2a persona singolare del presente indicativo.

Si prenda come esempio il verbo REISEN (viaggiare), che, dal momento che nella radice REIS- ha già presente una -S, non l'aggiunge alla 2a persona singolare:

Du reist = tu viaggi

Un altro esempio è il verbo SETZEN (mettersi seduto) che alla 2a persona singolare è:

Du setzt = tu ti siedi

Verbi misti

I verbi MISTI, pur essendo irregolari al Preterito e al participio passato, sono perfettamente regolari al PRESENTE INDICATIVO, e quindi seguono le regole appena spiegate.

I verbi misti presentati nella scorsa lezione (VERBI TEDESCHI) sono:

BRINGEN (portare)

DENKEN (pensare)

KENNEN (conoscere)

NENNEN (nominare)

PRESENTE INDICATIVO DI "BRINGEN"

ich bringe
du bringst
er bringt
wir bringen
ihr bringt
sie bringen

Come sarà spiegato in dettaglio nella lezione 24, la E eufonica non si aggiunge nei verbi che terminano in -NN: KENNEN e NENNEN.

PRESENTE INDICATIVO DI "KENNEN"

ich kenne 
du kennst 
er kennt 
wir kennen
ihr kennt
sie kennen

Si vada alla lezione 24 (PRESENTE INDICATIVO DEI VERBI IRREGOLARI) per conoscere la coniugazione dei verbi forti.

Alla lezione 13 è stato invece spiegato il PRESENTE INDICATIVO DEI VERBI "ESSERE", "AVERE" E "DIVENTARE", che servono tutti e tre da ausiliari per formare i tempi verbali composti.