Crea sito

LEZIONE 18: GENERALITA' SULLE DECLINAZIONI

In tedesco vengono utilizzate le DECLINAZIONI per esprimere determinati complementi.

Esempi:

La corona del re

In questa frase, "la corona" è il soggetto, mentre "del re" è il complemento di specificazione.

Io parlo all'insegnante

In quest'altra frase, "all'insegnante" è il complemento di termine.

Questi due complementi (di specificazione e di termine) in italiano vengono espressi attraverso due preposizioni:

DI per il complemento di specificazione

A per il complemento di termine

In tedesco, invece, non si usano le preposizioni per introdurre questi due complementi: per esprimere il complemento di termine e di specificazione, infatti, si DECLINANO gli articoli che precedono la parola "re" e la parola "insegnante", ossia si cambia la loro desinenza.

Nella lezione 16 sugli ARTICOLI DETERMINATIVI è stato spiegato che in tedesco sono di tre tipi:

- DER per il maschile

- DIE per il femminile

- DAS per il neutro

In realtà, questi articoli si presentano in questa forma solo quando introducono il SOGGETTO della frase.

Si prenda come esempio la parola KÖNIG = re, che è una parola MASCHILE. Essendo maschile, quando esprime il SOGGETTO della frase è preceduta dall'articolo DER:

Der könig ist zu alt = Il re è troppo vecchio

Quando invece KÖNIG non esprime più il soggetto della frase ma il COMPLEMENTO DI SPECIFICAZIONE, "der" diventa "DES":

Die Krone des Königs = la corona del re

Non solo, ma anche il sostantivo si declina, aggiungendo una S !

Questo è il meccanismo delle declinazioni, ossia i sostantivi e altre parti della frase cambiano forma aggiungendo una particolare DESINENZA per esprimere complementi diversi.

In tedesco sono declinabili:

ARTICOLI DETERMINATIVI

ARTICOLI INDETERMINATIVI

SOSTANTIVI 

AGGETTIVI POSSESSIVI

PRONOMI POSSESSIVI

AGGETTI ATTRIBUTIVI

AGGETTIVI E PRONOMI DIMOSTRATIVI

AGGETTIVI E PRONOMI INDEFINITI

PRONOMI PERSONALI

PRONOMI RELATIVI

Le declinazioni, in tedesco, presentano 4 CASI.

Un CASO (Fall, plurale: Fälle) rappresenta un particolare COMPLEMENTO da esprimere, a cui corrisponde una DESINENZA specifica.

I casi sono, sempre in quest'ordine:

1) NOMINATIVO o Nominativ (N): esprime il soggetto, la parte nominale del predicato nominale e il complemento di vocazione

2) GENITIVO o Genitiv (G): esprime il complemento di specificazione

3) DATIVO o Dativ (D): esprime il complemento di termine

4) ACCUSATIVO o Akkusativ (A): esprime il complemento oggetto

Per ogni caso, ciascuna componente declinabile (sostantivo, articolo determinativo, articolo indeterminativo, aggettivo, ecc.) ha una particolare DESINENZA, a seconda del genere (maschile, femminile, neutro) e del numero (singolare o plurale) che esprime.

Non si pensi, però, che in tedesco le preposizioni non esistano! Tutt'altro! In tedesco vi sono numerose preposizioni che servono a introdurre altri complementi oltre a quelli citati (compagnia, agente, moto a luogo, tempo, ecc.), e queste vogliono essere seguite da articoli, aggettivi o pronomi declinati sempre in un particolare caso a seconda del tipo di preposizione o del significato che vogliono esprimere (le PREPOSIZIONI in tedesco saranno trattate in una lezione apposita).

Pertanto, occorre sempre conoscere le declinazioni delle varie componenti grammaticali.

Nella lezione 19 sarà spiegata la declinazione degli ARTICOLI (DETERMINATIVI e INDETERMINATIVI).

Nella lezione 20 sarà invece spiegata la declinazione dei SOSTANTIVI o NOMI COMUNI.