Crea sito

PER COSA L'AUSTRIA E' FAMOSA - 1

W. A. Mozart

WOLFGANG AMADEUS MOZART

Bambino prodigio e celeberrimo compositore austriaco nato a Salisburgo nel XVIII secolo, Mozart è famoso per aver scritto opere immortali di straordinaria bellezza quali "Eine kleine Nachtmusik", "Il flauto magico" (Die Zauberflöte), "Il Ratto del Serraglio" (Die Entführung aus dem Serail) e "Le nozze di Figaro" (Die Hochzeit des Figaro). A lui sono dedicati numerosi monumenti e il Wolfgangsee, incantevole lago austriaco, nonché il bellissimo film "Amadeus" diretto da Miloš Forman nel 1984.

Se desideri avere maggiori informazioni, sul blog associato al sito internet è presente una pagina dedicata al celebre compositore e alle sue opere (clicca sul link OPERE DI MOZART).

Ascolta anche un brano tratto dal "Flauto Magico" di Mozart (die Zauberflöte): Papageno und Papagena, dal video reperibile all'indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=IvhHUSgsKsg e caricato da Mister0ics.

F. Defregger: Tirolesi

IL TIROLO

Storica regione austriaca di straordinario fascino e bellezza, il Tirolo è geograficamente diviso in una parte nord-orientale situata in Austria con capoluogo Innsbruck (oggi chiamata solo Tirol e costituente un Land austriaco a sé stante dal punto di vista politico), e una parte sud situata in Trentino-Alto-Adige a sua volta divisa in medio Tirolo e Tirolo Meridionale con capoluogo Merano. Il Land del Tirolo austriaco è famoso per le sue pittoresche cittadine, per le sue montagne e per le sue verdi vallate, ma anche per i suoi castelli e musei e per gli annuali mercatini di Natale. Innsbruck è famosa inoltre per il Goldenes Dackl (il Tettuccio d'Oro), casa Helbling e per la Hofkirche (chiesa di corte).

Vai alla pagina dedicata a INNSBRUCK sul blog associato al sito internet per trovare informazioni sulla capitale del Tirolo austriaco.

Giuseppe II d'Austria

GIUSEPPE II

Imperatore del Sacro Romano Impero dal 1765 al 1790, all'inizio affiancato dalla madre Maria Teresa d'Austria, Giuseppe II d'Asburgo-Lorena era fratello maggiore di Leopoldo II granduca di Toscana e di Maria Antonietta, ultima regina di Francia. E' ricordato per essere stato un grande sovrano illuminato, che seppe apportare numerose riforme tra cui l'abolizione della tortura e della servitù ereditaria.

Per trovare maggiori informazioni su di lui, vai anche alla pagina dedicata a GIUSEPPE II della sezione di STORIA TEDESCA E AUSTRIACA presente nel nuovo blog associato al sito internet di "Parliamo Tedesco".

Maria Antonietta

MARIA ANTONIETTA

Maria Antonietta d'Austria era figlia dell'imperatrice Maria Teresa e sorella minore di Giuseppe II. Nel 1770 andò in sposa al Delfino di Francia che salì al trono col nome di Luigi XVI e che venne ghigliottinato durante la Rivoluzione Francese. Maria Antonietta, al contrario di suo fratello Giuseppe, fu una sovrana capricciosa e incurante del suo popolo, ed è considerata oggi come la principale responsabile dello scoppio della Rivoluzione. Fu ghigliottinata dai rivoluzionari nello stesso anno del marito (1793) ed è ricordata per le sue spese folli e per il lusso nel quale viveva, ma anche per la sua straordinaria bellezza e per la grande infelicità coniugale che permeò la sua vita.

Imperatore Francesco Giuseppe

FRANCESCO GIUSEPPE

Francesco Giuseppe I (Franz Joseph) d'Asburgo-Lorena fu imperatore d'Austria dal 1848 e re d'Ungheria dal 1867 al 1916. Fu inoltre re del Lombardo-Veneto fino al 1866, anno in cui il territorio venne annesso al neo-regno d'Italia. Proprio in Italia è conosciuto col nomignolo dispregiativo di "Cecco Beppe" ed è ricordato come un tiranno ed un despota per il suo carattere autoritario e le sue vedute fortemente conservatrici. Morì in tarda età ed ebbe una vita molto drammatica, segnata da tragici eventi quali la fucilazione del fratello Massimiliano, il suicidio del figlio Rodolfo e l'assassinio della bellissima moglie Elisabetta, chiamata "Sissi".

Per maggiori informazioni, vai anche alla pagina dedicata a FRANCESCO GIUSEPPE I presente nel blog associato al sito internet (indirizzo: parliamotedesco.altervista.org/blog).

Imperatrice Elisabetta d'Austria

IMPERATRICE SISSI

Elisabetta di Baviera, conosciuta col soprannome di "Sissi"(o "Lisi"),  fu imperatrice d'Austria dal 1854 (e regina d'Ungheria dal 1867) fino al 1898, anno della sua morte che avvenne per mano di un anarchico italiano: Luigi Lucheni. Moglie dell'imperatore Francesco Giuseppe I, famosa per il suo stile irriverente nonché per la sua bellezza e vanità, è stata resa ancor più celebre dall' indimenticabile interpretazione dell'attrice austriaca Romy Schneider nei 3 film di Ernst Marischka che raccontano dei primi anni di reggenza della giovane arciduchessa della dinastia dei Wittelsbach: "La principessa Sissi" (Sissi, 1955) , "Sissi la giovane imperatrice" (Sissi, die junge Kaiserin, 1956) e "Destino di un'imperatrice" (Schicksalsjahre einer Kaiserin, 1957).

Vai anche alla pagina a lei dedicata sul blog associato al sito (IMPERATRICE SISSI) nella sezione di STORIA TEDESCA E AUSTRIACA. Là potrai trovare numerose informazioni storiche e curiosità su questo importante personaggio della cultura austriaca, oltre che sul periodo storico in cui visse.

Sigmund Freud

 

SIGMUND FREUD

Medico austriaco vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo, Sigmund Freud (il cui vero nome era Sigismund) è il padre della moderna psicanalisi: le sue teorie, pubblicate in diverse opere, la cui più famosa è "L'interpretazione dei sogni", hanno cambiato la storia della neurologia e della psichiatria allora conosciute, introducendo il concetto di "inconscio", di "es" e di "transfert".

 

CUCINA AUSTRIACA

L' Austria è famosa per la ricetta della Wiener Schnitzel (a cui si ispira la nostra "cotoletta alla milanese"), della Kartoffelkäse (panna acida a base di patate), del Gulasch e degli Semmelknödel (gnocchi di semola, piatto molto apprezzato anche dall'imperatrice Sissi). Ma è soprattutto per i dolci che la cucina austriaca è famosa: chi non conosce lo Strudel di mele o la famosissima Sacher Torte, servita con panna montata? Famosi sono anche i dolci a base di albicocche, frutto particolarmente amato e chiamato in Austria "Marille".

Alla pagina RICETTE DELLA CUCINA AUSTRIACA, che fa parte del blog associato al sito internet, potrai trovare numerose indicazioni sulla preparazione delle specialità appena menzionate.

Krampus

IL KRAMPUS

Nel Sud Tirolo, in Austria e nella Germania meridionale è famosa la leggenda dei Krampus, creature mostruose dalle sembianze demoniache (simili cioè a caproni) che ogni anno, nel giorno di San Nicola (6 dicembre), se ne vanno in giro a punire i bambini che sono stati disobbedienti e indisciplinati durante i mesi appena trascorsi. Il folklore popolare vuole che in questo giorno, anche nei comuni italiani di cultura austriaca, si possano osservare giovani mascherati da orribili caproni che sfilano per le strade con in mano una frusta, pronti a flagellare chi capita loro a tiro.

La leggenda dei Krampus nasce attorno alla figura di San Nicola, a cui si ispira il personaggio di Babbo Natale: Krampus sarebbe il suo diabolico servo, venuto a punire i bambini cattivi, mentre il padrone ricompensa con dolci e regali quelli buoni.

Vai anche alla pagina dedicata a IL KRAMPUS della sezione MITI E LEGGENDE del blog associato al sito internet, per trovare informazioni sulla leggenda di quest'importante figura del folklore austriaco e bavarese.

G. Klimt: Il bacio

GUSTAV KLIMT

Nato a Vienna nel 1862, Gustav Klimt è stato un famoso pittore austriaco esponente dell'Art Nouveau e della Secessione Viennese. Di lui si ricordano i bellissimi quadri di paesaggi ma soprattutto i coloratissimi dipinti dal soggetto femminile che sono allegoria della donna e delle vicende della vita umana. La sua arte romantica, così piena di grazia e di poesia ma al tempo stesso capace anche di grande erotismo, fa di Klimt uno dei più importanti pittori del mondo. Un esempio della sua tecnica pittorica e raffigurativa è il dipinto iconico dal titolo "Il bacio" (der Kuss) realizzato tra il 1907 e il 1908 e conservato nella Galleria d' Arte del XIX e XX secolo del bellissimo Castello del Belvedere di Vienna (nell'immagine).

Vai sul blog associato al sito internet se sei interessato a trovare informazioni in più su VIENNA e sui musei dedicati all'arte presenti nella bellissima capitale austriaca.

Cavalli lipizzani

I LIPIZZANI

Famosi cavalli austro-italo-sloveni, famosi in tutto il mondo per il bellissimo manto immacolato e particolarmente amati dagli imperatori d'Austria, gli eleganti lipizzani venivano utilizzati per trainare le carrozze su cui viaggiava la famiglia imperiale, ed ancora oggi è possibile ammirarli in tutta la loro regalità durante sfilate e parate ufficiali. Originari di Lipizza, in Slovenia, vengono allevati sia nella loro terra d'origine che nel nord-Italia e in Austria. Famosa è la Scuola di Equitazione Spagnola di Vienna (collocata all'interno della Hofburg, l'antico palazzo Imperiale) dove è praticato il celeberrimo Balletto dei Lipizzani.

Clicca sul link (HOFBURG) per visitare la pagina del blog dedicata all'argomento e trovare informazioni in più sui cavalli lipizzani.

Immagini tratte da:

- Https://it.wikipedia.org/wiki/ (Pubblico dominio): il ritratto di Mozart (paragrafo "Wolfgang Amadeus Mozart"), dal dipinto "Wolfgang Amadeus Mozart" di Barbara Kraft (1819), il ritratto dell'imperatore Giuseppe II (paragrafo "Giuseppe II"), di Maria Antonietta (omonimo paragrafo), di Francesco Giuseppe (omonimo paragrafo), il ritratto dell'imperatrice Elisabetta (dettaglio dal dipinto di Franz Xaver Winterhalter del 1865) del paragrafo "Imperatrice Sissi", il dipinto "Tirolesi" di Franz Deffregger e il dipinto "Il bacio" di G.Klimt.

https://it.wikipedia.org/wiki/Sigmund_Freud#/media/File: Sigmund_Freud_LIFE.jpg (pubblico dominio): Sigmund Freud fotografato da Max Albertstadt per la rivista Life nel 1922 (paragrafo "Sigmund Freud"). Pubblico dominio.

- https://it.wikipedia.org/wiki/Krampus (Pubblico dominio) : immagine del Krampus (particolare) dell'omonimo paragrafo.

- " Grandi città del mondo: Qui Vienna", Touring Cub Italiano, Milano 1972. Pag. 75 (foto dei Lipizzani dell'omonimo paragrafo).