Crea sito

LEZIONE 57: LE CONGIUNZIONI

Prima di leggere a proposito di questa lezione, si vada alla lezione 56: STRUTTURA DELLA FRASE. Le nozioni apprese nella precedente lezione sono fondamentali per capire l'argomento di questa, che serve ad approfondire alcuni temi già spiegati.

Le congiunzioni tedesche si dividono in COORDINANTI e SUBORDINANTI. Vediamone le differenze.

CONGIUNZIONI COORDINANTI

Le congiunzioni coordinanti introducono frasi strutturate come le frasi principali (cioè con il verbo che regge la frase posto sempre al 2° posto), ossia frasi "coordinate".

La struttura di tali frasi è:

soggetto + verbo principale + complementi + infinito/ participio passato

oppure:

complemento + verbo principale + soggetto + altri complementi + infinito/ participio passato

Le congiunzioni coordinanti sono:

ABER = ma  (l'accento è sulla A)

UND = e

ODER = o   (l'accento è sulla O)

DAS HEIßT = cioè

ENTWEDER..... ODER = o....o   (l'accento è sulla seconda E in ENTWEDER e sulla O in ODER)

WEDER.... NOCH = né... né   (l'accento è sulla prima E in WEDER)

DENN = poiché

JA = proprio   (in risposta a una domanda costituisce l'affermazione "sì")

SONDERN = bensì

DOCH = però, tuttavia

("DOCH" è usato anche come affermazione per dire "Al contrario, sì invece":

Du bist nicht italienisch = Tu non sei italiano

Doch! = Al contrario/ sì, invece)

Esempio dell'uso delle congiunzioni coordinanti:

ES. Ich bin in die Schule gegangen, aber sie war geschlossen = Sono andato a scuola ma era chiusa

Come è possibile osservare, la struttura della frase principale e della frase coordinata sono identiche: il verbo che regge la frase è sempre al SECONDO POSTO (nei due casi, dopo il soggetto). Questo perché le due frasi sono come due principali legate assieme.

Ich bin in die Schule gegangen....

ABER

.... sie war geschlossen

Oppure la frase poteva essere così strutturata:

Ich bin in die Schule gegangen aber heute war sie geschlossen

Il verbo è sempre al 2° posto in entrambe le frasi.

CONGIUNZIONI SUBORDINANTI

Le congiunzioni subordinanti introducono le frasi SUBORDINATE, cioè frasi strutturate in questo modo:

soggetto + complementi + infinito/ participio passato + verbo principale

Nelle frasi subordinate il verbo che regge la frase non è più al 2° posto, ma sempre all'ultimo.

Proposizione principale e subordinata sono sempre separate da una VIRGOLA.

Le congiunzioni subordinanti sono:

OBSCHON = sebbene   (l'accento è sulla seconda O)

OBWOHL = sebbene    (l'accento è sulla seconda O)

OB = se

WENN = quando, se

ALS = quando

ALS OB = come se

DASS = che

(Ich denke dass = penso che...)

Attenzione!!! Spesso questa congiunzione in tedesco si può omettere! Vai alla pagina sul CONGIUNTIVO per saperne di più.

BEVOR = prima che   (l'accento è sulla O)

EHE = prima di

BIS = finché  (come avverbio vuol dire "fino")

WEIL =  perché 

DA = poiché

E inoltre, è subordinante l'avverbio formato da DA + PREPOSIZIONE MIT (si specifica che DA come preposizione vuol dire "poiché", ma come avverbio vuol dire "qui").

DAMIT = affinché  (l'accento è sulla I)

Sono inoltre subordinate tutte le interrogative indirette:

Ich weiẞ nicht, warum du weinst = Non so perché piangi

AVVERBI

DA + preposizione non dà sempre origine a congiunzioni subordinanti: la maggior parte delle volte dà origine ad avverbi che introducono frasi che sono una via di mezzo tra una frase coordinata e una subordinata.

Le frasi introdotte dagli avverbi sottostanti vogliono il verbo al 1° posto nella frase (cioè subito dopo l'avverbio), ma a parte questo, per loro valgono le stesse regole della proposizione principale (vai alla lezione 56: STRUTTURA DELLA FRASE):

DARUM = pertanto

DARAUS = da questo

DARAUF = dopo questo, in seguito, in questo senso

DABEI = eppure, nonostante ciò, con questo

DAVON = da questo

DAVOR = prima di ciò

DAZU = oltre a ciò, a tal fine

DADURCH = attraverso ciò

DANACH = dopo ciò

DARAN = a ciò

DAHINTER = là dietro

Tradurre gli avverbi soprastanti non è facile: bisogna conoscere il verbo della frase per capire il loro senso! DA, infatti, sostituisce il pronome o sostantivo a cui si riferisce il verbo (an + sostantivo = DARAN, nach + sostantivo = DANACH e così via). In base al contesto in cui si parla, dunque, hanno significati diversi (possono essere paragonati ai pronomi "ne" e "ci" usati in italiano).

ALSO = dunque

DANN = quindi, perciò

ZUVOR = prima, precedentemente

(L'accento va sempre sulla preposizione).

Esempio:

Ich habe meine Hausaufgaben beendet, damit ich zur Party gehen kann = Ho finito i miei compiti cosicché/perciò (io) possa/posso andare alla festa

STRUTTURA DELLE FRASI SUBORDINATE

Per vedere qual è la struttura delle frasi subordinate, si osservi l'esempio sottostante:

ES. Entschuldigen Sie, wenn ich gestört habe = Scusate se ho disturbato

Questa è una frase subordinata perché, come si può vedere dall'esempio, il verbo che regge la frase (habe) va all'ultimo posto, persino dopo il PARTICIPIO PASSATO (gestört), che nella frase principale va invece sempre messo per ultimo.

Il verbo è stören (disturbare) che è un verbo REGOLARE.

Altro esempio:

Ich bin froh, dass ich da/hier bin = Sono felice di essere qui

Nelle frasi subordinate, quindi, il verbo che regge la frase va sempre all'ultimo posto, anche quando regge un infinito. 

Ma cosa succede se il verbo che regge la frase è un VERBO COMPOSTO con un prefisso separabile? Mentre nella frase principale la particella (o prefisso) si separa dal verbo quando questo è coniugato al PRESENTE INDICATIVO, all'IMPERATIVO, al PRETERITO e al CONGIUNTIVO, nella frase subordinata verbo e prefisso non si separano mai! 

ANFANGEN = cominciare (formato da AN + FANGEN)

Damit ich zu leben anfange = affinché/cosicché io cominci a vivere

"FANGEN" da solo significa "prendere", ed è un verbo IRREGOLARE.

PRESENTE INDICATIVO

ich fange
du fängst
er/sie/es fängt
wir fangen
ihr fangt
sie/Sie fangen

PRETERITO INDICATIVO

ich fing
du fingst
er/sie/es fing
wir fingen
ihr fingt
sie/Sie fingen

PARTICIPIO PASSATO

gefangen