COLONIA

Colonia (in tedesco Köln) è una delle più importanti città del Bundesland tedesco della Renania Settentrionale – Vestfalia, assieme alla sua capitale Düsseldorf, a Dortmund e a Bonn. Questo Land, situato nell’area nord-occidentale della Germania e confinante con Belgio e Olanda, è uno degli Stati tedeschi a maggioranza cattolica, come testimonia la presenza di numerose chiese di rito cattolico romano sparse nel suo territorio.

Bellissima e piena di fascino, la città di Colonia è stata ampiamente vittima dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, che l’hanno quasi completamente distrutta. La città visitabile oggi è dunque frutto della ricostruzione avviata nel XX secolo, cosa che gli conferisce un aspetto piuttosto moderno sebbene la sua storia abbia origini molto remote: la sua fondazione risale infatti al 19 a.C. da parte dei Romani, anche se fu elevata al grado di colonia vera e propria solo successivamente, col nome di “Colonia Agrippina”.

Nel XXI secolo sono state intraprese importanti opere di abbellimento, come la costruzione del grattacielo KÖLN TRIANGLE, alto 100 metri e da cui è ammirabile tutta la città. La torre più alta in assoluto resta però la Broadcasting Tower chiamata COLONIUS, alta 266 metri e costruita nel 1981, ultimata nel 2004.

La torre "Colonius". Immagine tratta dal sito di Pixabay.com priva di copyright.
La torre “Colonius”. Immagine tratta dal sito di Pixabay.com priva di copyright.

Uno degli edifici sopravvissuti ai bombardamenti, sebbene anch’esso all’epoca ne sia stato gravemente colpito, è la famosissima cattedrale cattolica dedicata a SAN PIETRO E MARIA (Hohe Domkirche St. Peter und Maria), rinomata sia per la bellissima facciata in stile gotico con le sue famose torri cuspidate, sia per essere la sede del SANTUARIO DEI RE MAGI (Der Dreikönigenschrein). Si narra infatti che in questa chiesa siano conservate proprio le reliquie dei Re Magi che visitarono Gesù Bambino, fatte portare da Milano in Germania dall’imperatore Federico I Barbarossa nel XII secolo. Queste si trovano custodite dentro un’ arca in legno e argento dorato posta dentro una teca di vetro dietro l’altar maggiore. Quest’arca, con le sue dimensioni di due metri per un metro e mezzo circa, costituisce il più grande sarcofago di tutta Europa.

RELIQUIARIO DEI RE MAGI A COLONIA
Reliquiario dei Re Magi. Foto di Arminia tratta da Wikipedia. org, voce “Duomo di Colonia”. Licenza Creative Commons.

Ma questo non è l’unico primato che il duomo possiede: all’epoca della sua ultimazione, avvenuta nel 1880, la chiesa costituiva l’edificio più alto del mondo grazie ai suoi 157 metri di altezza, battuti nel 1890 dalla torre del duomo protestante di Ulma, nel Land del Baden-Württemberg, alta più di 160 metri. Successivamente, quest’ultima venne a sua volta battuta dalla torre di Phildelphia in Pennysilvania (Stati Uniti), alta 167 metri, e dalla Mole Antonelliana di Torino. Dal 2009 l’edificio più alto del mondo è il grattacielo Burj Khalifa di Dubai, ma il duomo di Colonia rimane tuttavia la chiesa con la facciata più alta del mondo, e la seconda chiesa più alta di tutta la Germania (al primo posto vi è appunto la cattedrale di Ulma).

Facciata della cattedrale di Colonia. Immagine tratta dal sito di Pixabay.com.
Facciata della cattedrale di Colonia. Immagine tratta dal sito di Pixabay.com priva di Copyright.

Al suo interno vi sono inoltre ben 12 campane, la più importante delle quali è la Petersglocke in onore di san Pietro, seguita dalla Campana dei tre re (Dreikönigenglocken) in onore dei Re Magi, e dalle campane Pretiosa e Speciosa.

All’interno del duomo si trova la celebre Camera del Tesoro (Domschatzkammer), mentre accanto sono ubicati il famoso MUSEO ROMANO-GERMANICO (Römisch-Germanisches Museum), costruito attorno al mosaico di Dioniso, e l’ancor più famoso MUSEO LUDWIG che espone alcune importanti opere di Picasso e Andy Warhol.

La facciata del duomo è ammirabile dal famoso PONTE HOHENZOLLERN (Hohenzollernbrücke) costruito sul fiume Reno (Rhein), il principale corso d’acqua che attraversa la città. Percorribile solo con un mezzo di trasporto, la struttura collega la stazione ferroviaria con le più importanti aree extraurbane, ed è uno dei simboli della città di Colonia. Questo ponte è uno dei tanti nei quali, da alcuni anni, esiste la tradizione, da parte degli innamorati, di attaccare dei lucchetti per poi gettare la chiave in acqua, in segno di amore eterno.

PONTE HOHENZOLLERN E CATTEDRALE DI COLONIA
Il ponte Hohenzollern che attraversa il fiume Reno, con in lontananza la facciata della cattedrale di Colonia. Immagine tratta dal sito di Pixabay.com priva di copyright.

Dal 2015 il Reno è percorribile a piedi attraverso il Rheinboulevard all’interno del RHEINPARK (Parco del Reno), che nel 2007 è stato dichiarato il parco migliore di tutta la Germania, grazie non solo ai suoi immensi spazi verdi e soleggiati, ma anche alla presenza di un suggestivo teatro all’aperto posto all’interno della fontana Tanzbrunnen e alla bellissima area termale Claudius-Therme. Quest’ultima è stata costruita secondo lo stile delle terme romane, e in particolar modo delle terme dell’imperatore Claudio sotto cui l’antico accampamento venne ampliato e battezzato “Colonia”.

Un altro edificio religioso molto importante, oltre al duomo, è la BASILICA DI SANTA MARIA IN CAMPIDOGLIO (Basilika Sankt Maria im Kapitol), costruita interamente in stile romanico. Anch’essa di culto cattolico, è famosa per ospitare al suo interno la Crux Miraculosa, le porte lignee e la bellissima tribuna d’organo. All’interno si trova anche il sacrofago di Plectrude, che nell’VIII secolo fondò un’ordine monastico femminile presso la basilica. Deceduta nel 717, fu prima moglie di Pipino di Heristal, maggiordomo di palazzo del regno dei Franchi, e matrigna di Carlo Martello, nonno di Carlo Magno.

Altre chiese cattoliche in stile romanico sono San Gereone (Sankt Gereon), San Pantaleone (Sankt Pantaleon) e la GROSS SANKT MARTIN.

PIPINO DI HERISTAL
Pipino di Heristal. Immagine di pubblico dominio.

 A Colonia è inoltre visitabile anche la bellissima SINAGOGA DI ROONSTRASSE, in stile neobizantino, importante anche perché si tratta di uno dei pochissimi luoghi di culto ebraico sopravvissuti al nazismo. Anticamente, la città ospitava anche la sinagoga di Glockengasse, ma questa venne completamente distrutta nella Notte dei Cristalli (Kristallnacht) che ebbe luogo la sera tra il 9 e il 10 novembre 1938 da parte degli ufficiali del Terzo Reich, durante la quale migliaia di edifici laici e religiosi ebraici vennero bruciati, distrutti e saccheggiati. Oggi, al suo posto, sorge il TEATRO DELL’OPERA DI COLONIA.

A Colonia esiste anche un’importante tradizione carnevalesca: qui, come in altre città tedesche tipo Düsseldorf, l’ultimo lunedì di Carnevale viene festeggiato il Rosenmontag (Lunedì delle rose) in cui le maschere in sfilata gettano petali di rosa sui passanti, mentre il Giovedì Grasso si svolge il Weiberfastnacht (Carnevale delle Donne). La festa di Carnevale viene inaugurata a novembre attraverso le maschere dei Dreigestirn (tre astri), rappresentanti un principe (Prinz), un contadino (Bauer) e una pulzella (Jungfrau), tutti fatti da uomini. Per questa ragione, dal 2005 qui è stato inaugurato il KARNEVALMUSEUM (Museo del Carnevale) che però è aperto solo alcuni giorni della settimana. Altri musei molto importanti sono il MUSEO DEL CIOCCOLATO IMHOFF e il DEUTSCHES SPORT & OLYMPIA MUSEUM dedicato ai giochi olimpici.

DREIGESTIRN
I Dreigstirn. Immagine di pubblico dominio.

Colonia è inoltre famosa per il profumo chiamato “Acqua di Colonia” (Kölnisch Wasser), un’invenzione italiana – successivamente acquistata da un marchio tedesco – di Giovanni Maria Farina che emigrò in Germania nel XVIII secolo. Questo profumo ormai leggendario venne battezzato col nome “Acqua di Colonia” dai francesi, e oggi è possibile acquistarlo in numerose profumerie della città. A questo profumo è anche dedicato un museo (DUFTMUSEUM) in quella che un tempo era la casa di Giovanni Maria Farina (Farina-Haus), situata di fronte al MUNICIPIO.

Tra i monumenti più moderni, vi è la statua di MAX E MORITZ, il celebre “protofumetto” per ragazzi inventato da Wilhelm Busch nel 1865.

Infine, occorre menzionare i bellissimi murales del quartiere multiculturale di Colonia, EHRENFELD, che costituisce anche un’area ideale per lo shopping.

MURALES DI EHRENFELD A COLONIA
Uno dei murales di Ehrenfeld a Colonia. Immagine di pubblico dominio.

TORNA ALLA PAGINA SUL TURISMO