L’OKTOBERFEST

L’Oktoberfest è la più importante e famosa (anche se non la più antica) festa della birra che si celebra in Germania. L’evento è conosciuto a livello mondiale, e ogni anno centinaia di migliaia di turisti accorrono da ogni parte del mondo per potervi partecipare e gustarsi un buon boccale di birra bavarese, bevanda nazionale tedesca.

OKTOBERFEST

(Immagine del sito internet “parliamotedesco.altervista.org”)

L’Oktoberfest si svolge infatti ogni anno a Monaco di Bavieranel grande piazzale di Theresienwiese, gli ultimi due fine settimana di settembre e il primo fine settimana di ottobre, per questo prende nome “Festa di Ottobre”. Viene però chiamata dagli autoctoni ancheBierfest“, cioè “Festa della birra“, anche se questo termine è molto meno utilizzato all’estero. Nel dialetto bavarese la festa è chiamata anche “Wiesn“.

Durante questa festività, a cui partecipano sia tedeschi che stranieri, non è usanza solo bere dei grandi boccali dell’ottima birra locale, ma anche divertirsi al luna-park che viene allestito nel grande piazzale dove ha luogo l’evento. Questo può vantare un gran numero di attrazioni, tra cui la ruota panoramica, la ruota del diavolo, l’Olympia Looping, l’altalena delle streghe e la Krinoline.

RUOTA PANORAMICA OKTOBERFEST

(Immagine del sito internet “parliamotedesco.altervista.org”)

In più, è sempre presente musica dal vivo. Insomma, si tratta di una tradizione bavarese all’insegna della frenesia e del divertimento a tutto tondo.

I tipi di birra che vengono serviti appartengono alle sei marche più famose originarie di Monaco: Spaten, Hofbräu, Löwenbräu, Augustiner, Paulaner e Hacker-Pschorr. Per gustarle è possibile recarsi ai vari stand (Festzelte o Bierezelte) disseminati per tutta la fiera, le cui dimensioni talvolta enormi permettono di sedersi per rifocillarsi al loro interno come dentro una grande birreria.

BOTTI DI BIRRA

(Immagine del sito internet “parliamotedesco.altervista.org”)

La tradizione dell’Oktoberfest risale al 1810, anno in cui fu celebrato il matrimonio tra il principe Ludovico di Wittelsbach (futuro Ludovico I di Baviera) e la principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen: il 12 ottobre, giorno delle nozze, venne allestita una grandissima festa per le piazze di Monaco, capitale della Baviera, alla quale tutta la popolazione locale partecipò organizzando giochi di ogni tipo e bevendo grandi quantità della birra locale, sia per festeggiare l’evento che la fine del raccolto di cereali che erano serviti per produrre la bevanda.

La festa durò fino al 17 ottobre, per questo fu chiamata “Oktoberfest“. Da quell’anno in poi, nacque la tradizione di celebrare questa magnifica ricorrenza con canti, giochi e grandi bevute, aggiungendo di volta in volta delle giostre e delle attrazioni sempre nuove che hanno poi portato a giustificare l’allestimento di un vero e proprio luna-park in epoca moderna. La prima giostra venne installata nel 1818 e consisteva nella corsa dei cavalli, con una premiazione per chi fosse stato più abile.

LUDOVICO I DI BAVIERA
Ludovico I di Baviera.

La festa si celebra sullo spiazzo chiamato Theresienwiese (“prato di Teresa”) dedicato a Teresa di Sassonia-Hildburghausen, regina di Baviera. Vicino a quest’area è presente la famosa “Statua della Baviera (o Statua della Bavaria), una rappresentazione allegorica in bronzo costruita nel XIX secolo in onore dello Stato Libero della Baviera (Freistaat Bayern). La Baviera, inizialmente Stato indipendente, venne infatti a far parte della Repubblica di Weimar dopo la Prima Guerra Mondiale (1918), ma conserva ancora oggi il nome di “Stato libero”, benché faccia parte della confederazione tedesca.

La festa della birra ha inizio il penultimo sabato di settembre. Per l’occasione, il sindaco di Monaco stappa la prima botte di birra urlando: “O’zapft is! “ che in dialetto bavarese significa “E’ stappata!”. Questo è il gesto che dà ufficialmente inizio all’Oktoberfest.

Nei fine settimana in cui si svolge la festa, gli abitanti del luogo si vestono in abiti tradizionali bavaresi (Trachten): le donne indossano il Dirndl, composto da una camicetta bianca scollata a maniche corte, un corpetto nero, una gonnella larga con grembiulino bianco (o di qualsiasi altro colore si preferisca) e calze fino al ginocchio; gli uomini indossano una camicia bianca con i famosi Lederhosen (pantaloni corti con le bretelle), i calzettoni bianchi e il cappello tradizionale bavarese chiamato Trachtenhut.

ABITO BAVARESE PER DONNA
Abito bavarese per le donne (Dirndl). Immagine tratta dal film “Sissi, l destino di un’imperatrice” (1957) con Romy Schneider.

Ma il vero simbolo della festa è il biscotto a forma di cuore che prende nome “Lebkuchenherz” (cuore di pan di zenzero). Questo dolce viene regalato in occasione della festa e si scambia soprattutto tra innamorati. Può essere decorato con varie scritte come “O’zapft is!” oppure il nome della persona che ne ha fatto dono, o ancora una frase romantica e/o di amicizia. In ogni caso, presenta due cordicelle per essere portato al collo come un ciondolo. Al suo posto, può anche essere indossato un cuore di stoffa.

LEBKUCHENHERZEN

Per avere altre informazioni su Monaco e sulla Baviera, clicca sul link. Se invece vuoi saperne di più sulla birra tedesca, clicca su quest’altro link.

TORNA ALLA PAGINA DI CURIOSITA’