LA FORESTA NERA

Il Bundesland del Baden-Württemberg è uno degli Stati più estesi e più popolati della Germania, assieme alla Renania Settentrionale-Vestfalia e alla Baviera.

Situato nel sud-ovest del Paese, è famoso per essere ricco di molti luoghi affascinanti e suggestivi, a cominciare dalla sua bellissima capitale STOCCARDA, centro principale dell’industria automobilistica tedesca, a cui è dedicata un’intera pagina di questa sezione.

Nei dintorni di Stoccarda si trovano poi molti altri splendidi luoghi d’interesse, come il Monastero di Maulbronn (Kloster Maulbronn), nell’omonima cittadina, che è famoso per essere il monastero medievale meglio conservato al mondo ed il luogo dove è stato girato il bellissimo film del 1986 “Il nome della rosa” diretto da Jean-Jacques Annaud; o ancora la ridente cittadina di Ludwigsburg, dove si trova uno dei meravigliosi castelli dove vissero i re del Württemberg.

Il monastero di Maulbronn, nel Baden-Württemberg.

Ma la zona più famosa di tutte è senza dubbio la famosissima FORESTA NERA (Schwarzwald), così chiamata per via degli alberi che vi crescono fitti all’interno, quasi senza far passare la luce del sole. Un tipo di albero molto diffuso è il ciliegio, che ha ispirato la creazione della torta di ciliegie, cioccolato e panna chiamata “Foresta Nera”, nonché della grappa “Kirschwasser” (“acqua di ciliegie”, o semplicemente Kirsch), un prodotto tipico della zona. Per questa ragione, durante le festività locali, le donne di alcuni distretti della foresta usano indossare un particolare tipo di cappello (il “Bollenhut”) con dei buffi pon pon simili a ciliegie, che sono rossi per le ragazze nubili e neri per le donne sposate.

Giovane donna con Bollenhut a pon pon rossi. Dipinto di Wilhelm Gustav Hasemann.

La foresta, che si estende per circa 150 chilometri da nord a sud nel Land del Baden-Württemberg, si trova a nord della capitale di Stoccarda (anche se nasce a livello della frontiera tra Francia, Svizzera e Germania) e attraversa le due importanti città di Friburgo in Brisgovia (Freiburg im Breisgau, “capoluogo” della Foresta Nera) e di Baden-Baden, rinomato centro termale (ENTRAMBE SONO SEGNATE IN ROSSO SULLA CARTINA).

Il corso del fiume Kinzig separa la parte settentrionale (Nordschwarzwald) da quella centrale (Mittlerer Schwarzwald) mentre il corso del fiume Dreisam separa la parte centrale da quella meridionale (Südschwarzwald), dove sono concentrate le maggiori vette (ad eccezione dell’ Hornisgrinde che si trova nella parte settentrionale e del Kandel che si trova in quella centrale). Per questa ragione – ossia l’altezza delle sue montagne – la parte meridionale è anche detta “Alta Foresta Nera” (Hochschwarzwald). (I DUE FIUMI SONO SEGNATI IN VERDE SULLA CARTINA).

La cartina della Foresta Nera.

Tra le cime montuose di quest’area spicca il Feldberg, ossia la montagna più alta della Foresta Nera (1493 metri), ma vi sono anche il Seeburg, l’Herzogenhorn e il Belchen. Per poterli ammirare tutti, bisogna attraversare la “Strada delle Alture” (Schwarzwald Hochstraße), un percorso asfaltato che parte da Freudenstadt (SEGNATO IN BORDEAUX SULLA CARTINA) e finisce a Baden-Baden, durante il quale è possibile ammirare comodamente seduti in macchina tutte le vette più alte e affascinanti della foresta. Percorso molto amato soprattutto dai motociclisti, è considerato il tratto più bello in assoluto della Foresta Nera.

Inoltre, la Foresta Nera è anche la zona dove, per tradizione, vengono costruiti i celebri orologi a cucù (Kuckucksuhren) per cui la Germania è tanto famosa. Per la precisione, questi capolavori della meccanica vennero inventati nel 1730 da Franz Ketterer, originario nella cittadina di Schonach im Schwarzwald, dove ancora oggi è possibile ammirare l’orologio a cucù più grande del mondo, che ha le dimensioni di una casa. Lungo la foresta, si trova anche la “strada degli orologi” (Uhren Strasse), un itinerario circolare che parte e termina a Villingen-Schwenningen (IN BLU SULLA CARTINA) per percorrere le località più importanti dove vengono prodotti questi magnifici orologi. Fra le varie località vi sono Rottweil (famosa per la razza di cane che da qui proviene) e Titisee (famosa per il suo splendido lago) (entrambe sono SEGNATE IN ROSSO SULLA CARTINA). Non ultimo, a Furtwangen (im Schwarzwald) è presente anche il rinomato Museo degli orologi tedesco (Deutsches Uhrenmuseum).

Altri bellissimi luoghi suggestivi sono costituiti dalle miniere d’argento visitabili dai turisti, e dalle cascate di Triberg im Schwarzwald (che coi loro 160 metri di altezza costituiscono le cascate più alte della Germania). Sempre a Triberg, si trova anche il Museo della Foresta Nera, mentre a Rust vi è il parco di divertimenti per bambini chiamato “Europapark”.

Infine, non bisogna dimenticare di fare una visita a Gutach, che con le sue graziose casette col tetto di paglia, costituisce il museo a cielo aperto più vecchio del Baden-Württemberg (Vogtsbauernhof).

TORNA ALLA PAGINA SUL TURISMO