IL CULTO DELLA BELLEZZA PER SISSI

L’imperatrice Elisabetta d’Austria -Ungheria (meglio nota come “Sissi” o “Sisi”) aveva una vera e propria ossessione per la propria bellezza e giovinezza. Proprio allo scopo di mantenersi sempre giovane e bella, si sottoponeva a numerosi riti di bellezza quotidiani, alcuni dei quali molto strani e bizzarri. Tali rituali, proprio perché così inusuali e stravaganti, sono passati alla storia, ed hanno contribuito a creare la “leggenda” della giovane imperatrice d’Austria (successivamente imperatrice d’Austria e al tempo stesso regina d’Ungheria), superando di gran lunga in importanza gli eventi politici che la videro coinvolta (vai alla pagina IMPERATRICE SISSI per sapere quali furono).

Ma quali erano queste famose “stravaganze di bellezza” della giovane Sissi? Scopriamole insieme:

I CAPELLI

  • Sissi era spaventata dall’idea di perdere i suoi bellissimi capelli. Li faceva pettinare ogni mattina dalle sue cameriere, e se nel pettine ne restavano troppi, non aveva scrupolo di arrivare a schiaffeggiarle.
  • Per pettinarle e acconciarle i capelli, erano necessarie 3 ore di cura tutti i giorni.
I CAPELLI DI SISSI
Ritratto di Sissi di Franz Xaver Winterhalter. Pubblico dominio.
  • Il lavaggio dei capelli veniva eseguito una volta ogni tre settimane con uova e cognac lasciati in posa per 1 ora e poi risciacquati.
  • Per asciugare la sua lunga capigliatura, Sissi passava tutto il giorno davanti alla finestra aperta o davanti al caminetto, evitando di uscire di casa fino a sera.
  • Dormiva sempre nella stessa posizione, cioè supina con i capelli sciolti sul petto, per non danneggiare la chioma.
  • A causa dei frequenti attacchi di emicrania – dovuti al peso dei suoi capelli, che arrivavano fino a terra – Sissi appendeva le sue ciocche al lampadario per qualche tempo prima di coricarsi, in modo da far riposare la testa e il collo.
  • Molto spesso i capelli venivano decorati con pietre preziose, come i diamanti. L’acconciatura più famosa è però la corona di trecce inventata dalla sua parrucchiera personale, Fanny Angerer.
SISSI CORONA DI TRECCE
Foto di Sissi incoronata regina d’Ungheria. Pubblico dominio. Nella foto è possibile notare la famosa “corona di trecce” sotto la corona d’oro. Per questa ragione si diceva che Sissi portasse due corone.

LA LINEA

  • Sissi era solita sottoporsi a diete rigidissime per evitare di ingrassare. Non smise di seguirle neppure quando era incinta del figlio Rodolfo, e questo fatto contribuì a formare la costituzione gracile del giovane arciduca.
  • L’imperatrice Sissi seguiva quelle che oggi si chiamano “diete a zona”, ossia diete fatte di pasti a base di un solo alimento. Talvolta erano a base di soli liquidi o di sola frutta, e poteva pure arrivare a evitare di bere, se necessario. Queste diete insostenibili la costringevano a periodi di abbuffate a base di dolci di ogni tipo, che compromisero irreversibilmente la sua dentatura.
  • Si faceva stringere attorno alla vita un busto strettissimo per avere sempre un vitino di meno di 50 cm di circonferenza, e la sua vestizione durava circa 1 ora.
  • Le dame al suo servizio avevano il compito di misurarle il girovita e la circonferenza di gambe e braccia tutti i giorni, e di annotarlo su un taccuino.
  • Per evitare di ingrassare, faceva ginnastica tutti i giorni e stava attenta a non sedersi e a non restare mai inattiva: non era raro che il suo precettore dovesse letteralmente inseguirla nei corridoi per riuscire a spiegarle la lezione, perché la giovane allieva non smetteva di muoversi e di correre neppure in tali occasioni.
  • Sissi praticava ogni tipo di sport, soprattutto il nuoto, l’equitazione e la scherma.
  • Era in grado di camminare per tutto il giorno, sfinendo le sue damigelle.
  • Andava a letto con dei panni imbevuti nell’aceto e avvolti attorno ai fianchi.
SISSI LINEA
Ritratto postumo di Sissi di Leopoldo Horowitz (1895). Pubblico dominio. Nel dipinto si nota il vitino di vespa dell’imperatrice, anche se nella realtà non portò mai la frangetta.

LA PELLE

  • Sissi faceva il bagno tutti i giorni con acqua caldissima, seguito da un risciacquo con acqua freddissima. Talvolta faceva il bagno nel latte.
  • Non portava mai il profumo, perché era convinta che le facesse invecchiare la pelle.
  • Metteva sul viso maschere a base di fragole o di carne di vitella.

LA GIOVINEZZA

  • Sissi dormiva senza cuscino, per non deformare la sua colonna vertebrale.
  • Si faceva portare, dai suoi servitori e ambasciatori, fotografie e ritratti delle donne più belle del mondo, in modo da riuscire a rassomigliare loro un po’.
  • Dopo i 30 anni, smise di farsi fotografare per tramandare un’immagine di eterna giovinezza. Si identificava in Titania, la regina delle fate inventata da Shakespeare in “Sogno di una notte di mezza estate”.
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
Sogno di una notte di mezza estate, di Sir Joseph Noell Paton. Dominio pubblico. Titania è la figura luminosa al centro.

Inutile dire che Sissi invecchiò precocemente a causa dello stile di vita che si era imposta: è risaputo che non dormisse quasi per niente, e che soffrisse di emicrania, reumatismi ed edemi.

TORNA ALLA STORIA DELL’IMPERO AUSTRO-UNGARICO